immagine

Attività svolta

Desidero ricevere una copia cartacea
Informativa sulla privacy
Iscrizione alla newsletter

lettiera di sabbia stalla vacca da latte

Genomica, seme sessato e tori da carne: una combinazione da reddito!

 

La genomica è ormai uno strumento consolidato per la selezione delle principali razze da latte italiane. Gli indici genomici calcolati sulla base dei test del DNA dei soggetti sono la base per la scelta dei tori, delle madri di toro e sempre più spesso persino degli embrioni da impiantare. Gli strumenti per la stima degli indici genomici vengono via via perfezionati e oggi consentono anche di stimare valori genetici con un’accuratezza sufficiente per la selezione per nuovi caratteri, come la resistenza allo stress da caldo e la resistenza alle principali patologie della mammella, dell'apparato riproduttivo e metaboliche.

 

Da quasi dieci anni è possibile fare test genomici sull'intera mandria per combinare la selezione dei tori con quella delle migliori madri anche a livello aziendale, accelerando così i processi di miglioramento del reddito dell'allevamento già a partire dalla genetica: il prezzo dei test genomici per le femmine negli ultimi tre anni, grazie alla disponibilità di nuovi chip e all'ottimizzazione dei processi di analisi del DNA, è andato diminuendo.

 

È quindi oggi possibile, combinando l'uso di test genomici, seme sessato e tori da carne creare maggior reddito per l'allevamento a diversi livelli. Quali variabili considerare per ottenere il massimo risultato da questa strategia?

 

Abbonati per continuare la lettura

 

Se sei già abbonato

TORNA INDIETRO