immagine

Attività svolta

Desidero ricevere una copia cartacea
Informativa sulla privacy
Iscrizione alla newsletter

azienda benacchio bovine da latte

Italia, Usa e Canada, simili eppure diversi - parte prima

 

La popolazione Frisona Italiana ha degli stretti legami genetici con la popolazione Holstein Nord americana, sia americana che canadese, molto più stretti di quelli che ha con la Frisona Nord Europea.

 

La storia genetica della Frisona Italiana è, infatti, fortemente legata all'importazione di animali dal nord America negli anni ‘50 e ‘60. Su questa base, l'uso importante di tori di importazione da USA e Canada ha costruito, nel tempo, quello che oggi a livello internazionale viene riconosciuto come l"Italian Style" ovvero l'equilibrio tra le ottime produzione derivate dalla genetica USA e l'ottima morfologia derivata dalla selezione canadese.

 

Molti allevatori italiani, facendo riferimento a queste origini, ancora utilizzano nella scelta dei tori di FA gli indici USA e canadesi e fondano le strategie di selezione aziendale su indici come TPI e Net Merit.

 

In realtà, al di là della comune origine genetica, i sistemi di stima degli indici genetici, seppur simili fra loro, presentano delle differenze che possono influenzare in maniera significativa i risultati attesi dalla selezione, in parte perché legati all'espressione dei geni in ambienti di allevamento non esattamente identici a quelli nazionali e in parte perché sono il risultato di sistemi di calcolo e criteri di pubblicazione diversi da quelli utilizzati in Italia.

 

Quali sono queste differenze? Quali sono gli elementi più importanti da conoscere per poter evitare il rischio di sorprese una volta che le figlie dei tori selezionati sulla base dei numeri nordamericani entreranno in produzione?

 

Abbonati per continuare la lettura

 

Se sei già abbonato

TORNA INDIETRO